x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Home / NOVITà E RECENSIONI / NEWS E PRESS

SOMMELIER “FAI DA TE” CON FRANTOIO BONAMINI

SOMMELIER “FAI DA TE” CON FRANTOIO BONAMINI

Bisogna essere esperti professionisti per capire un buon olio extravergine di oliva? Certo che no!

Seguendo la guida e le regole che vi daremo sarete capaci di distinguere un buon extravergine da uno pessimo in un batter d’occhio.

Primo passo: procuratevi un bicchiere di vetro (sapevate che nelle degustazioni ufficiali si utilizza un bicchierino blu?) e una mela, che aiuta ad eliminare le sensazioni tra un assaggio e l’altro.

Secondo passo – Percezione visiva: partendo dal presupposto che il giudizio visivo non è un parametro fondamentale, grazie ad esso si può già evidenziare pregi e/o difetti di un extravergine.
Versate l’olio nel bicchiere, cercando di fare attenzione alla sua fluidità mentre lo versate, agitate, sempre disponendolo contro luce. Bisogna che l’olio riporti una fluidità media-bassa e un colore verde/giallo, che indentifica una raccolta giovane o matura del frutto.

Terzo passo – Percezione olfattiva: semplicemente annusando l’olio potreste già giudicare il vostro prodotto. Odori medi-intensi di frutta, verdura o erba saranno già sufficienti per farvi stare tranquilli; mentre attributi come “rancido”, “muffa” o “terra” dovrebbero farvi suonare un campanello d’allarme.
Di seguito le indicazioni per superare questo terzo passo à scaldate il contenuto del bicchiere con il palmo della mano agitandolo leggermente (coprendo parte anteriore e posteriore del bicchiere, per mantenere gli aromi); scoprire il bicchiere e portarlo al naso, inspirando per captare tutte le componenti (ripetere l’operazione 2/3 volte).

Quarto passo – Percezione gustativa: con lo scopo di allenare le vostre papille gustative prendete un sorso d’olio e distribuitelo su tutta la superficie della lingua, facendolo roteare. Vaporizza l’olio, aspirando aria dalle labbra e tra i denti, con la lingua appoggiata al palato. La prova del gusto individua alcuni sapori fondamentali quali amaro, dolce, piccante che sono pregi e caratterizzano oli di qualità, ma anche sapori negativi come riscaldo, verme o rancido.

Sperimenta anche tu in modo casalingo l’assaggio di un olio extravergine di oliva e raccontaci la tua esperienza sensoriale!


 
 

CONTATTI
FRANTOIO BONAMINI S.R.L.

Loc. S. Giustina, 9A - Illasi - Verona - Italy
P.IVA 04166510232
Tel. +39 045 6520558 - Fax +39 045 6528133

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter.



info@oliobonamini.com
Privacy Policy

CREDITS: Future Smart